RASSEGNA STAMPA

Balthazar_La libertà è terapeutica?_N.3 (2021)
Quello che mi ha colpito del racconto di Calvino sulla città di Olinda,è il rapporto tra quello che c’è e ciò che può diventare: non solo superare il vecchio, ma creare qualcosa di nuovo.Con questa tesi abbiamo affrontato il nostro lavoro al Paolo Pini: chiuderlo e trasformarlo in qualcosa di nuovo.

Corriere della Sera_Quel teatro nato nelle cucine dell’ex ospedale_28.10.21
Una breve rampa e si varca subito l’ingresso. Basta chiudere gli occhi per immaginare i cuochi che rimestano la zuppa destinata a 3 mila persone, i medici e gli infermieri che mangiano in fretta un boccone prima di cominciare il turno in reparto.
Buone Notizie – Corriere della Sera_Il <<Fiore>> sboccia nella cucina confiscata al boss_20.07.21
Un ristorante, tanti libri, personale dal Ghana all’Albania.
Corriere della Sera_Ispirazione pandemia_01.06.21
Al via oggi negli spazi dell’ex ospedale Pini il festival <<Da vicino nessuno è normale>>
Teatro e danza per indagare gli effetti del Covid 
la Repubblica_Olinda, 25 anni nel segno dell’inclusione_01.06.21
Grande festa con la rassegna “Da vicino nessuno è normale” e la ristrutturazione del TeatroLaCucina. 
Doppiozero_Ateliersi. Le mappe del cuore di Lea Melandri_17.07.20
Due tavoli in scena: uno alla destra e uno alla sinistra. Una poltrona bianca tra loro. (…) Su uno dei tavoli plichi altissimi di lettere; l’altro coperto da riviste, ritagli. Si apre così La mappa del cuore di Lea Melandri, l’ultimo lavoro di Ateliersi: un dialogo tra parole in cui la potenza dei corpi modifica il campo di forze. 
Repubblica.it_Tiresia dolce e ribelle di Giorgina Pi_16.07.20
Si candida a uno dei migliori spettacoli dell’estate visti finora e Gabriele Portoghese, il protagonista, come uno degli attori più bravi del momento. 

la Repubblica_Torna Olinda con il teatro al telefono_26.06.20
“Da vicino nessuno è normale” all’ex Paolo Pini
“Abbiamo fatto uno sforzo di immaginazione” 

Corriere della Sera_Il teatro rinasce alla luce del cielo_25.06.20
<<Da vicino nessuno è normale>>
Spettacoli su un palco all’aperto e una sorpresa speciale al telefono 

Corriere della Sera_L’ostello degli invisibili_08.06.20
Nel polo turistico del <<Pini>> ad Affori letti e sostegno per otto ex malati Covid affetti da disagio psichico. 

la Repubblica_”Il mio canto libero resti fuori dalla porta dell’ex manicomio”_26.10.19
Il Paolo Pini è ora un’eccellenza milanese e continua a rispettare il dolore dell’autrice (Alda Merini), che non sopportava l’idea di tornare anche a parole in quel luogo: “Non sarebbe giusto rinchiudermi ancora dove ho sofferto”. 

Vita_Harris, il ragazzo ripartito dalla cucina di Fiore_21.10.19Questa è una storia di persone, di incontri, di relazioni. La storia di un ragazzo che ha viaggiato, per necessità e per contingenza, e in quel viaggio ha trovato se stesso. 

la Repubblica_Tra gli orti e le galline Affori ha un volto bio_26.07.19
Il fatto è che, una volta dentro, non si vorrebbe più andar via. 

.

la Repubblica_Lungo il metrò per viaggiare dentro se stessi_14.07.19
Con “Underground” di Cuocolo/Bosetti il percorso di venti spettatori sulle quattro linee esplorando la città dal sottosuolo. 
Corriere della Sera_Tra arte e vita: racconti dal sottosuolo_13.07.19
Un viaggio in noi stessi attraverso l’esplorazione delle viscere della città 

Corriere della Sera_Dentro le pagine di Foster Wallace_15.06.19
All’ex Paolo Pini va in scena un gioco corale dedicato allo scrittore americano. 

.

Il Giorno_Rosita Volani del Teatro Pini. <<Cultura e socialità nell’ex manicomio>>_16.08.18
Ogni estate il festival “Da vicino nessuno è normale” negli spazi dell’ex manicomio e del TeatroLaCucina. 

la Repubblica_Viaggio nell’enigma Foster Wallace_20.07.18
Nei vari spazi dell’ex Pini domani (21 luglio 2018) un rave di dodici ore, tra giochi, sorprese, partite di tennis, dove gli spettatori vanno alla scoperta dei personaggi e delle trame del capolavoro “Infinite Jest”. 

Doppiozero_Margini. Otello Circus a Olinda_13.07.18
Antonio Viganò del Teatro alla Ribalta – prima Compagnia teatrale costituita da uomini e donne in situazione di “handicap” (…) – ha messo in scena un Otello rivisitato, in cui (…) non è Rodrigo, l’attore, che si è adattato a Otello, il personaggio, ma Otello che si è adattato a Rodrigo. 

la Repubblica_Il luogo dei tanti talenti_04.07.18
Negli spazi di quello che era un manicomio oggi si incontrano teatro, cultura, arte, cucina, socialità e accoglienza grazie all’associazione Olinda 

la Repubblica_”Dopo la rivoluzione di Basaglia Milano non ha più paura dei matti _01.06.18
L’esperienza degli allievi dello psichiatra innovatore e la svolta di strutture come il Paolo Pini oggi aperte al quartiere. 

.

Corriere della Sera_L’ex ristorante della mafia oggi è un locale di successo_12.04.18
Il <<Fiore>> di Lecco a un anno dall’apertura: <<Scommessa vinta>> 

Domenica del Sole 24 Ore_Vorticosi, vitalissimi fremiti_06.08.17
Tre nudi femminili dai lunghi capelli corvini e fulvi; tre corpi perfetti, giovani, appassionati: sofferenti ma anche radiosi per quanto lo si possa essere nello strenuo tentativo di sottrarsi alla morte vittoriosa. 
Domenica del Sole 24 Ore_Il genio delle bambole_30.07.17
Luigi de Angelis in veste di regista e Chiara Lagani nei doppi panni di drammaturga e attrice – affiancata per l’occasione da una compagna di scena, Fiorenza Menni, dell’altro gruppo romagnolo Ateliersi – affrontano un nuovo viaggio in divenire, stavolta nei quattro libri in cui è diviso il romanzo di Elena Ferrante L’amica geniale. 
Domenica del Sole 24 Ore_Prometeo, forza vitale del dono_23.07.17
Prometeo: il dono si è calato nella corposa rassegna milanese “Da vicino nessuno è normale” con speciale disinvoltura, accentuando l’aspetto della disabilità danzante, ma anche la foga energetica dell’insieme. 
Domenica del Sole 24 Ore_Quaderno d’inverno_09.07.17
Il testo di Armando Pirozzi è un gioiello di ironia e grazia poetica, dotato di una delicatezza che verrebbe da definire quasi orientale. E la messa in scena tutta “a togliere”, ordita solo per conferire leggerezza e trasparenza alla trama emotiva dei protagonisti, è un alto esercizio di perfezione che non ammetterebbe un minuto di più né un minuto di meno rispetto alla sua consistenza attuale. 
Doppiozero_Storie di parentela secondo ZimmerFrei_24.11.16
Rispondendo a una chiamata pubblica, le sette famiglie (biologiche, acquisite, di elezione) della tappa milanese, hanno lavorato per poco più di due settimane in residenza al TeatroLaCucina, grazie alla collaborazione con Olinda, per presentare il loro family affair nella cornice di Danae Festival
Corriere della Sera_Casa e palcoscenico_02.10.16
Viaggio tra le residenze teatrali milanesi dove tra una cena e una prova aperta nascono spettacoli e sinergie con i quartieri. 
Il Sole 24 Ore_Diamo campo a P.P.P._28.08.16
Fra i tanti omaggi che, nel quarantennale della morte, il teatro italiano ha tributato a Pasolini, uno dei più affettuosi mi è parso senza dubbio Pier Paolo!, un evento ideato da Giorgio Barberio Corsetti che consiste in una partita di calcio dedicata alla memoria del poeta friulano.
il manifesto_Duecento ragazzi raccolgono le liriche urlanti di Majakovskij_02.07.16
Il doc di Alessandro Penta <<Eresia della felicità>> su Marco Martinelli. 
La Stampa_Pasolini e il calcio che spettacolo di partita_01.07.16
Sull’onda (lunga) della celebrazione dei quarant’anni dalla scomparsa, arriva finalmente anche a Milano uno spettacolo – evento che racconta la grande passione di Pier Paolo Pasolini per il football ovvero il calcio come lo si chiamava una volta. 
la Repubblica_La partita di Pasolini_01.07.16
Dell’amore di Pasolini per il calcio, che considerava <<l’ultima rappresentazione sacra del nostro tempo>>, molto si è detto e scritto, ma Giorgio Barberio Corsetti è andato oltre inventandosi Pier Paolo!, curioso esperimento che è insieme partita e spettacolo. 
il Fatto Quotidiano_Cento lingue, dialetti e idiomi per recitare Majakovskij e Ariosto_23.07.15
Fino al 25 luglio al Castello Sforzesco di Milano: interpreti un “plotone” di 200 adolescenti provenienti da cinque regioni d’Italia, Belgio e Senegal.
Una Città_Poter aspirare_n° 210/2014 Febbraio
Dove c’era l’ospedale psichiatrico oggi ci sono un ristorante, un teatro,un ostello; cosa significa fare una vera impresa sociale, cioè tenere assieme mercato e vocazione inclusiva; il rapporto col pubblico che non deve diventare dipendenza; un impegno locale che ha senso solo perché esce dal locale; l’importanza di saper riconoscere i momenti di difficoltà. Intervista a Thomas Emmenegger.
l’Unità_Un ex manicomio e la meglio storia_08.08.12
Il <<Paolo Pini>> raccontato dallo psichiatra che lo chiuse. 
il Fatto Quotidiano_Fabbrica di Olinda, una pazza idea_22.07.12
Olinda è città speciale. Dentro il suo antico e oggi magico recinto si vive, si mangia, si lavora, si fa cultura, si accoglie: clienti ma anche futuri lavoratori, compresi quelli ancora lontani dall’idea di poter lavorare. 
la Repubblica_Pini, liberi tutti la (ri)conversione del manicomio_07.08.11
Una giornata nell’ex ospedale psichiatrico, luogo di reclusione trasformato in spazio di creatività 
il manifesto_Gianni Celati non è normale_17.07.11
Da un pensiero all’altro
Incontro con lo scrittore 
la Repubblica_Il Pinter sudamericano “Scrivo per gente sveglia”_06.07.11
Spregelburd, l’autore che tutti vogliono 
la Repubblica_Gli orti diventano palco per i 15 anni dell’ex Pini_10.06.11
Un mix di teatro, musica e cinema 
Corriere della Sera_Un quartiere chiamato desiderio_18.07.09
La compagnia delle Ariette presenta un documentario girato in una periferia a sorpresa <<integrata>> e solidale 
il Giornale_Sognando alla Comasina_18.07.09
Raccontare un quartiere attraverso i suoi sogni e con l’aiuto dell’arte teatrale. È l’interessante quanto insolita sfida lanciata dal Teatro delle Ariette (…).
Liberazione_Il mio lavoro per non dimenticare Basaglia_31.05.08
Con il suo Marat-Sade, (…) Maurizio Lupinelli e i suoi sessanta attori, tra i quali una quarantina di disabili, è come se avesse voluto aprire ancora una volta, con la furia liberatrice del suo teatro, porte che qualcuno oggi vorrebbe tornare a chiudere intorno all’handicap e alla malattia mentale. 
Corriere della Sera_Il pane della libertà al Teatro la Cucina_11.05.08
Otto mesi di lavori (finanziati dalla Regione Lombardia e da Fondazione Cariplo) hanno trasformato la mensa dei pazienti, qui ricoverati prima della legge 180 che chiuse i manicomi, in un palcoscenico flessibile per 250 spettatori.
la Repubblica_Il parco delle cose folli_11.05.08
Paolo Pini, il manicomio che diverte e fa cultura 
Franco Quadri_Marat e De Sade incontrano la vita_2008
Un’inaugurazione emozionante per il nuovo Teatro Cucina all’ex-Pini con il lavoro di Maurizio Lupinelli. 
la Repubblica_Deputati in scena come rifugiati_12.07.06
Parlamentari italiani nei panni di rifugiati politici, rifugiati politici nei panni di se stessi e poi attori: tutti insieme sono gli interpreti d’eccezione di Rifugià-ti, lo spettacolo ideato e interpretato dall’attrice Annette Hennemann (…).
Corriere della Sera_Nessuno è normale … da 10 anni_12.06.06
Da ghetto per malati mentali a vivace centro culturale, uno straordinario sogno lungo dieci anni, un compleanno importante che l’ex ospedale psichiatrico Paolo Pini ha deciso di festeggiare con un doppio regalo. 
la Repubblica_Matti da slegare_09.06.06
Fuori i pazzi, dentro gli artisti
E il Pini diventa un paradiso
L’ex-manicomio ora sogna il teatro 
la Repubblica_Folle don Chisciotte_07.02.06 
Cederna: “Il mio Cervantes libero, moderno, milanese”

L’attore protagonista sul set all’ex Pini 
la Repubblica_Attenti ai Pescecani_11.06.05
Dopo tanta attesa e un’assurda, lunga assenza, finalmente torna a Milano la Compagnia della Fortezza, che porta il suo ultimo, già memorabile, spettacolo, I pescecani
diario_Il carcere incontra il manicomio_10.06.05
Nel parco dell’ospedale psichiatrico attori detenuti portano il teatro di Brecht.
la Repubblica_Ma sei fuori?_06.10.04
Si apre domani al Litta la rassegna organizzata dall’ex-Paolo Pini e dedicata al disagio mentale. Tra gli ospiti Marina Confalone.
la Repubblica_Nella città impossibile il sindaco è uno psichiatra_29.05.04
Emmenegger: così curo il disagio mentale 
la Repubblica_Teatro, musica e film per grandi e bambini all’ex manicomio_14.06.03
Viene proprio da dirlo: per fortuna che c’è il Paolo Pini. 
La Stampa_L’ospedale psichiatrico dove si riesce a ridere_26.07.02
Stasera chiude la rassegna <<Da vicino nessuno è normale>>, un’iniziativa nata per gioco che ora attira un vasto pubblico. Pienone a ogni spettacolo. 
la Repubblica_Estate al Paolo Pini tra spettacoli e impegno_13.06.02
Cultura e impegno sociale. La proposta che l’associazione Olinda ha inventato nel 1997 e delinea un modo nuovo per mettere in comunicazione le persone con disagi psichici e quelle cosiddette <<normali>> è approdata alla sua sesta edizione. 
Una Città_I risultati imprevisti_n° 104/2002 Maggio
“Malattia mentale”, un concetto che rischia di essere utile solo a giustificare un agire istituzionale. Il rischio della prognosi che fissa il tragitto, senza esplorare, senza scoprire le potenzialità, senza sapere neanche “le notizie” di una persona. Mettere in moto processi, in cui cresca l’autonomia dell’ex-degente o del paziente, che riscopre di avere possibilità e scelte da fare. Intervista a Thomas Emmenegger. 
la Repubblica_”Un pezzo di città negli ex manicomi”_01.03.99
Sul tappeto i piani di riconversione delle aree del Paolo Pini in zona Affori e dell’Antonini che si trova a Limbiate. “Qui è tutto da reinventare” 
la Repubblica_Dalle ceneri del Pini nasce la città di Olinda_08.02.99
Viaggio in un ex manicomio dove si lavora a un progetto d’avanguardia per il reinserimento dei malati. 
Amica_Oggetti che hanno un senso_1999
Massaggiaschiena, vuotatasche sonoro, paravento e altri ancora. Sono pezzi in legno pregiato, destinati a sollecitare i sensi assopiti. Disegnati da Massimo Morozzi e dai suoi collaboratori, a sostegno dell’Associazione Olinda 
la Repubblica_Falegnameria “Pini” il piacere del legno05.02.99
Nello Studio Segantini gli “Oggetti sensazionali”
Milano Metropoli_Liberamente insieme_1998
Un’estate di grande impegno sociale e intrattenimento nel recupero degli ex ospedali psichiatrici.
Terre di Mezzo_Lo spazio delle menti_dicembre 1997 n.38
È pieno di sorprese l’ex ospedale psichiatrico di Milano …
New Age_Al Pini da vicino nessuno è normale_n.73 settembre 1997 
La creatività irrompe nel sociale e con una proposta entusiasmante e innovativa: l’ex ospedale psichiatrico di Milano apre le porte all’arte, al cinema, alla musica e a tanta gente che, insieme agli ospiti della struttura …, si diverte “da matti” e pone le basi per un rapporto tra “dentro” e “fuori”.
l’Unità_Malati psichici ancora più soli Paolo Pini <<aperto>>, per tutti_14.08.97
Con la chiusura estiva di molti centri territoriali, <<matti>> lasciati a se stessi e alla loro sofferenza 
il Giornale_In manicomio come a casa propria_03.06.97
La rivoluzione del Paolo Pini: i degenti hanno cucina e camere a due letti 
TV Sorrisi e Canzoni_Matti da slegare_15/21 dicembre 1996 n.50
A Milano gli ex pazienti sono protagonisti di un videoclip. Ed è solo una delle tante esperienze nate in alternativa agli ospedali psichiatrici. 
Panorama_Se questo è un matto_22 febbraio 1996
Sono più di cento gli istituti in attesa di riconversione. Come reinserire i ventimila pazienti, spesso vittime più dei maltrattamenti che delle patologie?

→ ex O.P. Paolo Pini a pag.133 

Sette/Corriere della Sera_Siamo matti? | Fuori dove?_n.31 anno 1996
Pensavate che gli ospedali psichiatrici non esistessero più?
Sbagliato: ce ne sono ancora 97, con 22mila ricoverati. 
Sette/Corriere della Sera_Baj Baj manicomio_n. 7 anno 1995
Entro il 1996 tutti gli ospedali psichiatrici dovrebbero chiudere. E allora perché proprio adesso 40 famosi artisti hanno deciso di decorare il Paolo Pini, storica <<ca’ di matt>> milanese? Per due motivi.